La disfagia è una condizione caratterizzata dalla difficoltà nella deglutizione di cibi solidi, liquidi e farmaci. È molto frequente nella SMA e può manifestarsi nei neonati, nei bambini e negli adulti con diversi livelli di gravità.

La corretta gestione multidisciplinare della disfagia è fondamentale per assicurare un giusto apporto di nutrienti, una corretta idratazione a qualsiasi età e contenere il rischio di infezioni respiratorie: nelle forme moderate e lievi è fondamentale intervenire con modifiche della consistenza degli alimenti.​

Nella presa in carico della persona disfagica con SMA è rilevante porre l’attenzione sulle conseguenze relative alla sfera emotiva e sociale. La disfagia determina infatti un disagio relazionale, può acuire il senso di solitudine e ridurre la qualità della vita. È fondamentale che il team di specialistici che prende in carico la persona con SMA disfagica, insieme al caregiver, metta in atto tutte azioni per favorire gli aspetti relazionali ed edonistici che caratterizzano la gioia del pasto e della convivialità.​


Per conoscere maggiori dettagli sulla disfagia nella SMA clicca qui

LE ATTREZZATURE

BASI VERDURE

Il video mostra come lavorare le verdure per renderle adatte alle persone con disfagia.

All’interno viene anche mostrato come aromatizzarle.

Possono essere usate anche la zucca e la carota. La verdura va cotta finché non diventa tenera e la quantità di acqua va regolata sulla base della consistenza indicata dallo specialista clinico. Le verdure con fibra più tenace andrebbero trattate con l’omogeneizzatore per evitare che rimangano filamenti.

CONSERVAZIONE

Raffreddare velocemente (con un bagnomaria a freddo, cioè con acqua e ghiaccio) il composto in una ciotola; metterlo già diviso per porzioni in un contenitore da frigo con coperchio, apponendo un’etichetta con data di produzione e nome del prodotto.

In frigorifero si conserva max 3 giorni.

In congelatore si conserva max 6 mesi a -18 gradi (i congelatori di casa vanno bene). Lo scongelamento va eseguito in frigorifero il giorno prima dell’utilizzo.